YOGA NELLE 3 FASI DELLA VITA

Possiamo intendere la pratica Yoga tripartita nella seguente logica: un’arte, un’attività fisica e una filosofia. Tale tripartizione si rivela tanto più appropriata se la proiettiamo sulle tre età dell’uomo: gioventù, maturità e vecchiaia. Nel leggendario testo Yoga Rahasya, il grande yogin Nāthamuni parla della necessità, per il praticante, di tenere in considerazione la particolare fase della vita in cui si trova, prima di approcciare la disciplina, e di adattare la pratica alle proprie esigenze. 
La “regola generale” (ideata dal maestro T. Krishnamacharya e riportata da Rāmaswāmī nel suo “yoga for the three stages of life”n.d.t.), consiglia di seguire i seguenti kramas(metodi): vṛddhi, sthiti e laya kramas durante, rispettivamente, la giovinezza, la maturità e la vecchiaia.

Nello specifico:

Quando il suo corpo è giovane, esso è chiamato deha, perché cresce. In questo stadio, praticare āsanas come “arte” (vinyāsas) è consigliato. Le varie āsanas e le miriadi di sequenze, con la respirazione appropriata, aiutano l’allievo a crescere(vṛddhi) in salute fisica e mentale.

Durante la fase di maturità il corpo non cresce né decade (tale fase è detta sthiti): la pratica yogica includerà alcune āsanas “importanti” e soltanto certi vinyāsas, coadiuvati da esercizi di respirazione, bandhas, meditazione, mantra, canti e via discorrendo. In questo stadio l’obiettivo è quello di mantenere la salute fisica e mentale, nonché prevenire futuri disagi.

Durante la vecchiaia, il corpo è detto śarīra poiché decade. La pratica sarà finalizzata a mantenere il più possibile la mobilità attraverso āsanas e Prāṇāyāma. Il laya krama (questo “metodo della vecchiaia” n.d.t.) consisterà in intense meditazioni, studio, riflessione e filosofia dello yoga.

Il viaggio dello yogin verso il kaivalaya, o liberazione, può richiedere parecchi cicli. Mentre il praticante delle altre discipline si preoccupa di ritardare il più possibile la vecchiaia, quello di yoga ha un occhio attento alla futura rinascita.

Liberamente tradotto da Yoga for the three stages of life (2000, Inner Traditions) di Srivatsa Ramaswami

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...