Ujjayi in Yoga-therapy of Obstructive Sleep Apnea Syndrome (How Shall I Breathe if I Snore?)

In order to clarify the perspective of Ujjayi-pranayama in yoga-therapy of people suffering from snoring and sleep apnea syndrome I suggest that we should turn our attention to the modern medicine’ concept of the breathing act, and in particular on physiological mechanisms of the afore-said muscles’ involvement within the breathing pattern.

By Elena Akhramieieva
March 21, 2012

We have already discussed in details the effects of the snake breathing, or the Ujjayi, in our article “Some Effects of Ujjayi, or Relaxation after Victory”. Another important effect of the practice that results from systematic application of this pranayama is the training of muscles of the pharynx, tongue and soft palate that the medicine of today refers to respiratory muscles and that suffer from sleep apnea syndrome.

[Read more on Academia.edu]

Cambio di stagione. Medicina Cinese: alcuni buoni consigli

TRASFORMAZIONE è la parola chiave. Per 4 volte l’anno il corpo ci chiede di fermarci e fare ritorno al Centro, al perno del nostro equilibrio, per la rigenerazione dell’Energia. Tonificare Milza e Pancreas diventa fondamentale e in particolar modo alla fine dell’Inverno, come sostenevano gli antichi maestri cinesi.
La stagione della Terra dovrebbe rappresentare un momento di reset e riequilibrio, per ripartire con rinnovato vigore in un nuovo ciclo della propria vita.

di Patrizia Labanti *

La Medicina Cinese dà sempre una grande importanza al momento del cambio di stagione. Il momento di passaggio in cui ci troviamo, fa da cerniera tra il momento più yin (freddo, buio, fermo), rappresentato da autunno e inverno e quello più yang dell’anno (caldo, luminoso, attivo), ossia primavera ed estate. Continua a leggere “Cambio di stagione. Medicina Cinese: alcuni buoni consigli”

Ma è Yoga o ginnastica?

Molto spesso sento dire frasi del tipo: Quello non è Yoga, è ginnastica! Soffermiamoci un momento su cosa significa appunto ginnastica.

La ginnastica è disciplina e insegna: la determinazione, la responsabilità, la voglia di migliorarsi e di spostare l’asticella del proprio limite un po’ più in là, questo non vi ricorda il TAPAS dello Yoga?

Continua a leggere “Ma è Yoga o ginnastica?”

Navāsana

Navāsana, posizione della nave con le sue varianti

Analisi biomeccanica:

La posizione risulta essere un corpo carpiato e quindi il fulcro della posizione è l’articolazione coxofemorale in flessione, il grado di flessione stabilisce se la posizione è Navāsana (angolo 90°) oppure Ardha Navāsana (160-170° circa, scapole e piedi non toccano terra).

Le altre due articolazioni starter (caviglia e cingolo scapolo toracico) possono essere in ogni possibile atteggiamento variando l’intensità dell’asana

  • Ruolo della caviglia: da estesa a flessa c’è un aumento di intensità dell’āsana
  • Ruolo del cingolo scapolo toracico: da esteso a flesso ad elevato c’è aumento di intensità dell’āsana

Le posizioni ad anca flessa devono essere eseguite a bacino antiverso per mantenere una neutralità della colonna vertebrale, molto spesso, mirando a raggiungere l’allineamento ideale, la posizione viene eseguita a bacino retroverso compensando con l’estensione del tratto dorsale con conseguente apertura delle basse coste e rettilineizzazione del tratto cervicale, inoltre spesso oltre ad un lavoro addominale si percepisce un’ attivazione dei flessori dell’anca nella zona inguinale o della coscia anteriore, mediale o laterale. Continua a leggere “Navāsana”

Stress Off – Le risposte dalla Scienza e dallo Yoga

L’ associazione “Spazio del Sé” organizza due incontri di approfondimento tematico dedicati allo Stress,: verrà analizzato come la Scienza e lo Yoga trattano questo stato che sempre di più affligge l’uomo contemporaneo. Continua a leggere “Stress Off – Le risposte dalla Scienza e dallo Yoga”