Suggerimenti per la pratica: transizione da ubbaya padangustāsana – navāsana – urdhva mukha pascimottaāsana

Questa pratica ha come scopo lo sviluppo di posizioni ad anca flessa con grande coinvolgimento addominale e allungamento degli estensori dell’anca. Continua a leggere “Suggerimenti per la pratica: transizione da ubbaya padangustāsana – navāsana – urdhva mukha pascimottaāsana”

Annunci

Navāsana

Navāsana, posizione della nave con le sue varianti

Analisi biomeccanica:

La posizione risulta essere un corpo carpiato e quindi il fulcro della posizione è l’articolazione coxofemorale in flessione, il grado di flessione stabilisce se la posizione è Navāsana (angolo 90°) oppure Ardha Navāsana (160-170° circa, scapole e piedi non toccano terra).

Le altre due articolazioni starter (caviglia e cingolo scapolo toracico) possono essere in ogni possibile atteggiamento variando l’intensità dell’asana

  • Ruolo della caviglia: da estesa a flessa c’è un aumento di intensità dell’āsana
  • Ruolo del cingolo scapolo toracico: da esteso a flesso ad elevato c’è aumento di intensità dell’āsana

Le posizioni ad anca flessa devono essere eseguite a bacino antiverso per mantenere una neutralità della colonna vertebrale, molto spesso, mirando a raggiungere l’allineamento ideale, la posizione viene eseguita a bacino retroverso compensando con l’estensione del tratto dorsale con conseguente apertura delle basse coste e rettilineizzazione del tratto cervicale, inoltre spesso oltre ad un lavoro addominale si percepisce un’ attivazione dei flessori dell’anca nella zona inguinale o della coscia anteriore, mediale o laterale. Continua a leggere “Navāsana”

Āsana in flessione d’anca – lezione di approfondimento #2

II lezione tecnica per migliorare le nostre āsana, tema:

FLESSIONE D’ANCA

La flessione d’anca porta al cosiddetto corpo carpiato: un atteggiamento del corpo molto complesso, le catene anteriore e posteriore non sono più in un equilibrio, la catena anteriore risulta accorciata e la posteriore allungata e spesso addirittura sovrallungata creando possibili patologie.
Proveremo a costruire la flessione d’anca utilizzando un basculamento del bacino che porta ad una rototraslazione posteriore di esso; in questa precisa posizione il sistema di catene anteriori e posteriori risultano entrambe in allungamento (dimostrazione matematica con teorema di pitagora), la tensione addominale assicura la stabilità. A questo scopo studieremo a fondo Utthanāsana e Ardha utthanāsana.
pitagora
Vedremo come sia fondamentale il giusto allineamento, diverso per ognuno e quindi PERSONALIZZATO, per avere un mūlabhanda attivo e soprattutto efficace nel mantenimento dell’āsana.
Nella lezione utilizzeremo cinture, mattoni  e il lavoro a coppie per migliorare gli allineamenti e la profondità dell’āsana.

La lezione dopo una parte teorico/pratica (20-30minuti) per comprendere e fissare i concetti esposti procederà con una lezione di Vinyāsa a intensità crescente.

Necessaria Prenotazione

Sede, date e orari del Seminario:

  • 16/dicembre 9.15-10.45: ASD “PerMano”, via Pitagora 21, 42048 Rubiera. [MAPPA]
  • 13/gennaio 10.00-11.30 e 15.00-17.30: Studio8tto, Via Empoli 33 C/o centro servizi Jimmy Monaco, 47838 Riccione. [MAPPA]
Per Info ed iscrizioni contattatemi
Tel 3392283759
florini.nicola@gmail.com
FB: Nicola Florini
Instagram: iNik_80
Linkedin: Nicola Florini

Foto evento

Quando un’ Āsana non è un’ Āsana – le compensazioni del rachide

Abstract seminario “Stage insegnanti Yoga ADO-UISP”, Modena 25-26/novembre/2017 [programma, iscrizione]

A.G. Mohan nei suoi 7 principi, precisamente al punto 2, recita: La pratica degli āsana dovrebbe dare priorità alla spina dorsale. Nulla di più vero! i benefici che si ottengono sono davvero importanti, ma la colonna vertebrale è circondata da sistemiche che ne influenzano la mobilità, quindi il lavoro sul rachide impone prima di tutto di conoscere, gestire ed influenzare tali sistemi.

Noi non siamo “omini della Playmobil”: non possiamo, ad esempio, flettere un’anca, estendere un ginocchio, flettere una caviglia, elevare un braccio ed estendere un gomito (una versione di niralamba uttitha hasta padangustāsana) in modo indipendente! Possediamo muscoli biarticolari che gestendo 2 articolazioni contemporaneamente le mettono in rapporto tra loro. Questo fatto comporta che la disponibilità in allungamento o in contrazione (per meglio dire un lavoro eccentrico o concentrico) di un muscolo biarticolare è influenzato dalle posizioni relative delle articolazioni che gestisce, quando le tensioni sono troppo elevate si tende a compensarle scaricandole cambiando gli atteggiamenti del bacino e della colonna vertebrale.

Nel seminario esamineremo alcuni atteggiamenti posturali all’interno delle āsana e ne valuteremo le più classiche compensazioni, più precisamente prenderemo in considerazione:

  • Studio dell’ estensione dell’anca, rispetto alla posizione del bacino con tensione addominale, posizioni studiate: Tadāsana, Virabhadrāsana1, supta virāsana
  • Studio della flessione d’anca ed estensione della controlaterale rispetto alla posizione del bacino con tensione addominale, posizioni studiate: Supta padangustāsana, utthita hasta padangustāsana
  • Studio della flessione d’anca , rispetto alla posizione del bacino con tensione addominale, posizioni studiate: Ardha utthanāsana, Stambāsana.
  • Studio della flessione del ginocchio ad anca estesa rispetto alla posizione del bacino con tensione addominale: Vajrāsana, variante di eka pada adho mukha svanasāsana, raja bujangāsana.
  • Ruolo della caviglia nella catena cinetica ad anca estesa e ad anca flessa.
  • Compensazioni e attivazioni di Mūlabhanda

Molto spesso, quando pratichiamo āsana, rispettiamo gli allineamenti che ci sono stati insegnati e le ripetiamo più o meno sempre allo stesso modo non valutando che i nostri atteggiamenti posturali sono tutti diversi, quindi un āsana DEVE essere adattata e personalizzata sui nostri corpi. Eseguire un’ āsana significa aumentare la propriocezione e per fare ciò è necessaria una profonda presenza mentale, utilizzo del respiro (per valutare l’intensità, gestire l’addominale e quindi la colonna vertebrale), concentrazione sul punto in cui portiamo la tensione, assorbimento su quel punto e il nostro sistema nervoso è obbligato a minimizzare la componente cognitiva… insomma questa non è già in sequenza: āsana, prānāyāma, dhāranā, dhyāna e prathyāhāra?

Lo stage insegnanti Yoga ADO-UISP 2017 si terra presso la Polisportiva Corassori, Via Newton 150, 41126 Modena [MAPPA]

Visualizza o scarica la presentazione in .pdf dell’intervento al link: UISP 2017

Foto Evento

IMG_1732IMG_1733IMG_1734IMG_1742IMG_1743IMG_1811IMG_1813IMG_1815IMG_1890IMG_1891IMG_1892IMG_1893IMG_1894IMG_1895