Suggerimenti per la pratica: Vinyāsa

Le pratiche dinamiche sono importanti perché permettono un elevato stato di concentrazione dovendo gestire e coordinare postura-dinamica-respiro, oltre a ciò si aggiunge la necessità di pulire e migliorare sempre di più la pratica.

Continua a leggere “Suggerimenti per la pratica: Vinyāsa”

Praticare ascoltando (n.3)

Terza pratica “a distanza” guidata dalla voce di Mariangela Guatteri.
YOGAUDIO, lo yoga in audio. La playlist sul canale youtube YOGA CLINIC.

Una pratica personale guidata dalla voce di Mariangela Guatteri

[Avvertenza: Lo yoga è una disciplina che può essere insegnata soltanto sulla base di una relazione di profondo rispetto e riconoscimento reciproco tra insegnante-allievo. Perciò questo mezzo di “pratica a distanza” non può sostituire un maestro]

Praticare ascoltando (n.2)

Seconda pratica “a distanza” guidata dalla voce di Mariangela Guatteri.
YOGAUDIO, lo yoga in audio. La playlist sul canale youtube YOGA CLINIC.

Una pratica personale guidata dalla voce di Mariangela Guatteri

[Avvertenza: Lo yoga è una disciplina che può essere insegnata soltanto sulla base di una relazione di profondo rispetto e riconoscimento reciproco tra insegnante-allievo. Perciò questo mezzo di “pratica a distanza” non può sostituire un maestro]

Praticare ascoltando

YOGAUDIO. Lo yoga in audio. Pratica “a distanza” con Mariangela Guatteri: una nuova playlist sul canale youtube YOGA CLINIC.

Una pratica personale guidata dalla voce di Mariangela Guatteri

[Avvertenza: Lo yoga è una disciplina che può essere insegnata soltanto sulla base di una relazione di profondo rispetto e riconoscimento reciproco tra insegnante-allievo. Perciò questo mezzo di “pratica a distanza” non può sostituire un maestro]

Suggerimenti per la pratica: Equilibrio

Le lezioni di equilibrio le considero le più propedeutiche e complete per la pratica dello yoga, sono delle vere e proprie porte d’ingresso per stati di elevata concentrazione e meditazione, il corpo diventa strumento per accedere alla vostra mente e addomesticarla.

Esistono molti modi per allenare l’equilibrio nello Yoga, la tecnica che utilizzo per questa lezione è di dare ampio spazio al DRISTHI cioè alla focalizzazione e direzionalità dello sguardo (aspetto spesso molto sottovalutato soprattutto durante i cambi di posizione).

Nel caso specifico di questa lezione lo sguardo viene portato in mezzo alle mani quando le braccia sono oltre la testa (o alla mano in alto quando solo una è elevata), oltre alla difficoltà della di mantenere lo sguardo verso l’alto, nello svilupparsi della pratica si danno ampio spazio a posizioni monopodaliche e a transizioni in cui l’appoggio è su di una sola gamba.

Nella pratica (perché abbia senso) è necessario rispettare la regola dello sguardo anche durante la transizione, più precisamente: ed esempio nel passaggio tra virabhadrāsana 1 DX ad utthita trikonāsana DX lo sguardo dalle mani in alto passa alla mano di sinistra che rimane in alto durante tutta la transizione.

Consiglio per la pratica uno stato di profonda calma e per questo suggerisco un momento dedicato al prānāyāma prima degli esercizi, utilizzare il respiro per entrare, uscire e muoversi all’interno della sequenza.

Ulteriore consiglio organizzare mentalmente il movimento prima di eseguirlo.

Schema della pratica

🙏🏻 Ringrazio i miei Maestri Marco Barbieri, Bruno Baleotti e Marc Beuvain

Ringrazio inoltre Sarah Majocchi e il suo centro Yoga.Ma per la foto

Seguite il mio progetto: YOGA CLINIC su Facebook👍🏻 e Instagram♥️